Quali sono i metodi più usati per rendere sicura la tua casa

Quali sono i metodi più usati per rendere sicura la tua casa

12 Giugno 2020

 

 

QUALI SONO I METODI PIU’ USATI PER RENDERE SICURA LA TUA CASA?

Se vuoi sapere come proteggere la tua casa dai ladri, in questo articolo troverai i sistemi più diffusi.

Facciamo una panoramica sulle possibili soluzioni per tenere al sicuro te, i tuoi famigliari e le tue cose.

 

Serramenti Blindati

 

Sul mercato esistono diversi prodotti che riguardano la sicurezza:

finestre con il vetro stratificato, tapparelle in acciaio, persiane con serratura, ecc. Quasi tutti i  prodotti che esistono in ambito di infissi, con l’aggiunta dell’aggettivo “blindato” e modificati o rinforzati in qualche modo, diventano un prodotto per la sicurezza, vera o presunta che sia la reale garanzia di tenerti al sicuro.

 

Ma sarà vero? Continua a leggere e lo scoprirai…

 

 

Finestre

Le finestre sono la prima barriera fisica tra te e i malintenzionati che vogliono entrare in casa tua, ma se hai già subito un furto o hai parlato con il vicino che lo ha subito è facile capire che non sono una barriera valida per tenere fuori i malintenzionati.

Puoi avere le finestre con i vetri antisfondamento (stratificati) ma, ad esempio, avrai sicuramente sentito parlare della “banda del buco”, abilissima nel fare un foro nella finestra per poter inserire un gancio e girare la maniglia. In pochissimo tempo il ladro è già in casa tua senza bisogno di intervenire sul vetro.

 

Persiane

Per quanto riguarda le persiane, siano esse di legno o di alluminio basta una semplice leva, come ad esempio un cacciavite, o un piede di porco per aprirle un batter di ciglia.

 

Unica soluzione più sicura di questo prodotto può essere la variante delle “persiane blindate”. Per capirci sono quelle persiane fatte in acciaio con la serratura e i rostri (come la porta blindata) e che devono essere almeno certificate antieffrazione il classe 3 da un ente specializzato ma che hanno il contro che, nel momento in cui sono aperte, diventano inutili.

Quindi ho mi convinco di stare sempre, giorno e notte, con le persiane chiuse e al buoi, oppure non sono una soluzione valida. Si possono usare nelle seconde case ma ne parleremo più approfonditamente in un altro articolo.

 

Allarme

Un prodotto di sicurezza che non ha lo svantaggio dell’effetto visivo è il sistema di allarme.

Ti svelo una scomoda verità: l’allarme negli ultimi anni non è più un deterrente contro i furti. Il ladro sa che prima di qualsiasi intervento ha dai 5 ai 10 minuti di tempo per agire indisturbato. Molte volte bastano anche una paio di minuti per far danni!

Poi, parlando più approfonditamente di Sicurezza Quotidiana, sai benissimo che quando sei a casa e ti dedichi alle faccende domestiche o semplicemente ad arieggiare le stanze, l’allarme non è inserito.

 

Infatti, uno dei casi più frequenti e più pericolosi è proprio questo genere di furto.

Sento clienti che mi dicono da anni: “Ero in cucina, quando ho sentito dei rumori in camera, sono andata a controllare ed è stato allora che ho visto i ladri scappare!”.

 

Purtroppo, i furti quando le persone sono in casa sono in aumento in questi ultimi anni. Te ne sarai accorto anche tu guardando i telegiornali o leggendo i giornali. Considera che quello che arriva sui mass media sono solo i casi più eclatanti: come il proprietario di casa che viene processato per aver difeso se stesso e i propri cari dal balordo di turno… che la fa quasi sempre franca.

 

Non voglio annoiarti perciò ti do solo questo dato: negli ultimi 10 anni l’Istat ha rivelato che i furti in abitazione in Italia sono raddoppiati (passando da 192,23 a 386,50 ogni 100 mila abitanti).

 

La media nella provincia di Milano è di 34 furti in appartamento al giorno!!!

 

Un altro tipo di furto in aumento è quello fatto mentre si dorme di notte. Quando il sonno è più profondo, i ladri fanno irruzione nelle nostre case. Se l’allarme è attivato te la cavi con un grosso spavento ma per delle settimane ti sveglierai al minimo rumore, dormendo male e restando sfasato per tutto il giorno dopo.

 

Ci sono anche casi di cui evito di parlarne per non creare panico a te che, se stai leggendo, probabilmente hai già subito un furto o hai sentito qualcuno che l’ha appena subito.

 

Inferriate di sicurezza

Il prodotto che più di tutti è quello che, verrà in mente anche a te, se pensi di tener fuori i ladri, sono le inferriate di sicurezza, chiamate spesso “grate”.

 

Si è partiti nei primi anni con le grate fatte fare dal fabbro sotto casa, poi quelle estensibili come quelle che ci sono davanti alle vetrine dei vecchi negozi, infine con le grate industriali che negli ultimi tempi si possono trovare in vendita anche nei vari Brico o centri fai da te.

Se stai cercando il prezzo una delle soluzioni sopra è quella adatta a te, ma se vuoi la sicurezza sia in casa sia di non aver buttato via i tuoi soldi ti consiglio di continuare a leggere.

 

Di frequente, mi è capitato di incontrare persone che non sopportano l’idea di avere delle grate di sicurezza alle loro finestre, perché questo li fa sentire “in galera”.

Ora vi dirò una cosa che per chi fa il mio mestiere è quasi un’eresia: HANNO RAGIONE! Ecco… adesso i miei colleghi vorranno bruciarmi sul rogo!

 

A nessuno piace guardare fuori dalla finestra e vedere il panorama attraverso le sbarre di una inferriata, ma servono per la sicurezza tua e dei tuoi cari. Sta a chi fa il mio mestiere farle che si vedano il meno possibile o che si possano aprire e “nascondere” alla vista… se gli altri competitor non sono capaci di farlo che brucino loro sul rogo della menzogna!!!

 

 

Insomma, come vedi c’è un po’ di tutto e non è così semplice trovare il prodotto giusto.

Ho avuto modo di notare che il trucco utilizzato dai venditori è sempre lo stesso: confondere il cliente con serrature più grandi, ferri più grossi, vetri più pesanti, ecc.

 

Ognuno come si suol dire “tira l’acqua al suo mulino”, ma se vuoi essere al sicuro all’interno della tua casa non a parole ma con una GARANZIA scritta allora sei nel posto giusto.

 

Continua ad approfondire l’argomento con il prossimo articolo cliccando su questo link, o se desideri subito parlare con uno dei nostri tecnici contattaci cliccando sul pulsante qui sotto e compila il modulo di richiesta.

 

 

Condividi